lunedì 9 luglio 2018

La fabbrica chiusa da trent'anni


Se cercate informazioni in internet su questa vecchia fabbrica, non ne troverete praticamente nessuna. E' una fabbrica chiusa più o meno da trent'anni. Da prima dell'avvento di internet dei social e dei quotidiani on line che avrebbero potuto lasciarci traccia di fallimenti e proteste sindacali. Qui invece non siamo riusciti a trovare nulla. Sarebbe bello andare in cerca di testimonianze di racconti di vita vissuta tra queste mura. Sarebbe bello avere anche il tempo di farlo. Chissà... Tanti capannoni di cui vedremo, magari metterò le foto ... sono stati oggetto di bonifica dall'amianto e adesso rimangono lì spogli più che mai con l'erba che sboccia da pavimento. 


venerdì 29 giugno 2018

The Gothic House


Nei giorno scorsi sono ritornato in una villa in cui ero stato quest'anno per una esplorazione e l'ho trovata un luogo adatto per scattare queste foto con abito gotico. La vegetazione era molto abbondante ed è stato impegnativo farsi largo in mezzo all'erba e ai rovi per entrare. Abbiamo potuto scattare le foto in tranquillità. Era una giornata di sole intenso e quindi all'esterno, di primo pomeriggio le ombre rendevano difficile scattare e quindi dopo alcuni scatti davanti alla villa abbiamo sfruttato l'interno, il piano terreno dove si trova questo stupendo caminetto e le cantine nel piano seminterrato. 

mercoledì 20 giugno 2018

Ritorno alla chiesetta


C'eravamo già stati lo scorso anno ed abbiamo deciso di tornarci anche quest'anno sperando di trovarla circondata dal grano ed invece c'era sì del grano ma anche del mais. Però abbiamo realizzato lo stesso alcune foto. 

mercoledì 30 maggio 2018

Sirma - La fabbrica con lo yacht


La Sirma di Marghera è abbandonata da dieci anni ormai. Al suo interno non si trova quasi più nulla. Ci siamo stati alcune settimane fa e a dire il vero non abbiamo visto tutto il sito che è molto grande. E poi eravamo solo in due e questo posto mi incuteva parecchia soggezione. Qui si fabbricavano mattoni in materiale refrattario da utilizzare per la costruzione di altoforni.


martedì 1 maggio 2018

Il Rosso e il Nero


Tornati a Villa Miari, per un set con due modelle in abito attillato. La destinazione iniziale era un'altra, poi abbiamo rimediato per questo luogo molto bello. Soprattutto tranquillo.  Era anche la prima volta che scattavo con una delle due modelle. Esperienza interessante, per capire, per provare. Ringrazio l'amico Ivano e le modelle Laura e Tatiana per l'opportunità.

domenica 29 aprile 2018

Il porto vecchio: passeggiata nella storia di Trieste


Trieste città di mare, di vento,  dei poeti, della ferriera e della sopraelevata, di navi, di camion e del porto vecchio... ed è qui che ci addentriamo e un po' ci perdiamo. Dentro a questo patrimonio architettonico dove vecchi magazzini ed hangar non sono più utilizzati, perché tutto il traffico di merci di quello che è ancora oggi il primo porto d'Italia, si è spostato in una nuova area della città. Così sono rimaste queste strutture dallo stile che ricorda e ti trasporta quasi, nelle vecchie città industriali dell'Inghilterra.
Il porto vecchio venne reso porto franco nel 1719 da Carlo VI d'Asburgo e poi ampliato da Maria Teresa d'Austria. Nel 1857 venne costruita la ferrovia Trieste - Vienna e nel 1863 il governo di Vienna decise di bandiere un concorso per la realizzazione di un nuovo porto.

giovedì 19 aprile 2018

Il cimitero quasi abbandonato


Quando sono passato per la strada e l'ho notato, sinceramente mi era sembrato un cimitero abbandonato. In realtà è ben curato dal Comune, c'è la ghiaia ben distesa tra le tombe e non ci sono le erbacce tipiche invece di tanti cimiteri delle nostre zone. Però quello che si nota è che le tombe di famiglia sono veramente vecchie e malridotte. Croci di marmo spezzate, porte di ferro arrugginite, in certi casi staccate e appoggiate in qualche maniera, intonaci sgretolati. Girando tra le tombe abbiamo notato che le ultime tumulazioni risalgono alla fine degli anni '70. Poi probabilmente il comune ha scelto di non seppellire più i defunti in questo luogo, che tuttavia è aperto e qualche anziano famigliare si reca ancora a portare qualche fiore alla domenica.

Menu - Pages